lunedì 24 dicembre 2012

Quattro Chiacchiere con ... Beatrice Niciarelli

Quest'oggi facciamo Quattro Chiacchiere con Beatrice Niciarelli, una copywriter giovane, ma già molto esperta. Questo è il suo identikit:

Beatrice Niciarelli, copy w web writer freelance. Dopo ben cinque anni di esperienza, decide di avviare il suo progetto personale: Nybe Communication. Progetto che le permette di coniugare le sue tre grandi passioni: la comunicazione, internet e la storia.

Potete seguirla su Twitter , su Facebook o sul suo blog personale. Oppure, potete visionare il suo profilo LinkedIn.

Ecco come ha risposto alle nostre domande ...




Nome
Beatrice Niciarelli

Età
29 anni

Dove abiti
In Umbria, in un piccolo borgo vicino Perugia.

Dove vorresti vivere
Ho vissuto un po’ ovunque, se dovessi scegliere vorrei provare a vivere a Milano, per questioni lavorative.

Professione
Copywriter

3 aggettivi per descrivere il tuo lavoro
Imprevedibile, seducente, avvincente

3 aggettivi per descrivere la tua personalità
Curiosa, creativa, frizzante

3 qualità che vorresti possedere
Forse un po’ di pazienza in più non guasterebbe, per il resto non ho nessuna qualità particolare in mente!

3 difetti che possiedi e che non vorresti
Sono troppo esigente, soprattutto verso gli altri.
Spesso ripongo troppa fiducia verso chi non la merita, lo considero un difetto perché crea conseguenze negative.
Molti dicono che la mia schiettezza rischia di passare per pura acidità: sarà il caso di farne a meno?

La top 5 delle tue passioni
La lettura in assoluto, seguita dalla scrittura e dalla documentazione storica. In un secondo momento inserirei i viaggi (sempre di carattere storico) e, ahimè, una passione dolciaria: il cioccolato, in ogni sua forma!

La top 5 dei valori in cui credi
La sincerità, un pregio che è diventato valore, vista la sua rarità. Credo anche nella complicità tra persone, di qualunque natura, e nel sapere. Il sapere è tutto e non deve arrivare per forza da una carriera accademica: oggi esistono numerosi strumenti che permettono a ognuno di essere autodidatta. Sapere è volere.
 
Aggiungerei la libertà personale, un valore che oggi viene spesso dimenticato, e l’onestà.

La top 5 delle tue paure
In tutta sincerità è l’uomo stesso a farmi paura: la sua natura è imprevedibile, misteriosa, sconosciuta. I lati di un essere umano sono infiniti, l’inaspettato mi incuriosisce ma, al tempo stesso, mi incute timore.

Altre paure no, non credo di averne. Posso risponderti che sono terrorizzata dai ragni, gli unici appartenenti al mondo animale che farei estinguere volentieri.

I tuoi obiettivi (personali e professionali)
A livello personale sono a buon punto, ho il mio nucleo famigliare e le persone che amo vicine e questo basta.

A livello professionale, invece, c’è ancora molto da fare. Il mio obiettivo a lungo termine è diventare una sorta di Ogilvy all’italiana... Obiettivo un po’ arduo, vero? Mai dire mai comunque, sto lavorando e studiando sodo per riuscirci.

I tuoi sogni (personali e professionali)
Il mio sogno professionale coincide perfettamente con l’obiettivo. In fondo aspirare a un livello così alto significa anche sognare. Personalmente, invece... Non saprei, sogno un futuro sempre felice per la mia famiglia, questo sì.

Cosa stai facendo per realizzarli
Esperienza e studio insieme. Lavoro nella comunicazione online da circa 5 anni e sono solo ai primi passi. Grazie all’esperienza e allo studio ho creato la Nybe Communication ma non finisce qui: mi sto specializzando giorno dopo giorno, voglio vedermi realizzata in grande.

Ok, ora che abbiamo rotto il ghiaccio, parlaci di te e della tua professione.
Ti sei definita una copywriter, descrivici in modo chiaro e semplice che cosa significa.
Essere un copywriter significa giocare con la creatività e rendere speciale qualsiasi prodotto o testo attraverso le parole.

È una sfida continua perché il suo obiettivo è pensare e creare fuori dagli schemi, coinvolgere i consumatori e/o lettori e ideare qualcosa di unico, in grado di dare risultati concreti a ogni cliente.

Ti ricordi quando hai scelto di fare questo mestiere?
La scrittura è una passione che ho sin da piccola. Racconti, poesie, fiabe: da quando ho imparato a scrivere non c’è stato giorno in cui mi sia fermata con la creatività.

Dicevo a tutti che sarei diventata una grande scrittrice, poi ho scoperto un lato diverso delle parole: la loro creatività in funzione della pubblicità e il loro utilizzo all’interno di internet, un mondo che ho imparato a conoscere con il vecchio Lycos, uno dei primi motori di ricerca. Direi che la voglia di lavorare con le parole sia intrinseca alla mia personalità.

Cosa ti ha spinto a farlo?
La passione. Quando hai questa, hai (quasi) tutto. Ogni cosa diventa più semplice da affrontare, dallo studio all’esercitazione. Come disse Confucio: “Scegli un lavoro che ami e non dovrai lavorare neppure un giorno della tua vita”.

Quali requisiti sono necessari per fare la copywriter?
Non posso dirti esattamente cosa sia necessario, credo che ogni professionista (o aspirante tale) abbia un mix di caratteristiche che lo rendono bravo nel proprio lavoro. Sicuramente serve tanta fantasia, la voglia e la forza di reinventarsi ogni volta e la passione, tanta passione.

Il copywriting è qualcosa di vivo, si muove, muta, non resta mai lì dove nasce. Bisogna imparare a capirlo grazie allo studio e all’esercizio e ci vogliono anni, non mesi.


Come fai capire ai clienti di cosa ti occupi?
Di solito i clienti che si rivolgono a me sanno già di cosa mi occupo. Ho cercato comunque di rendere chiara la mia professione già partendo dal mio sito web, dove ho elencato le specializzazioni che competono.

Se poi un cliente ha dubbi o domande sono io che li spolvero via, grazie a una presentazione chiara ed efficace, con dati, soluzioni e casi studio che lo rendono sicuro al 100% della sua scelta.

Qual è il progetto a cui hai lavorato che più ti rappresenta?
Ho lavorato in moltissimi progetti e altri sono in cantiere. Posso dirti che, a parte il mio sito, ho un “figlioccio” di cui vado orgogliosa ed è Webhouse, il blog dove tutti i professionisti del web si incontrano e scrivono raccontando passioni, casi studio, strategie e molto altro ancora.

È nato un anno fa, un po’ per passione e un po’ per gioco, e oggi è una delle comunità del web più diffuse e consultate. Un gran bel progetto in piena crescita.

C'è stato un insuccesso che ti ha insegnato qualcosa? Ce lo racconti?
Sì, anche più di uno. Sono proprio gli insuccessi che offrono le lezioni migliori.

Raccontartene uno? Dovrei scegliere, quindi preferisco dirti direttamente una delle lezioni più importanti che ho imparato: non si deve mai dare nulla per scontato. Puoi avere un’intuizione professionale che reputi geniale, puntare tutto su di essa e presentarla al cliente come fosse la figlia prediletta. Poi basta un secondo per renderti conto che vorresti sprofondare sotto terra. Le tue idee e le tue intuizioni sono tue, appunto, non sempre trovano terreno fertile dall’altra parte, ma non per questo vali meno di prima. Bisogna solo imparare a trovare l’equilibrio giusto tra quello che hai in mente e il desiderio di chi si rivolge a te.

Ed il successo che più ti ha gratificato?
Spero che ne arrivino molti, per il momento ne ho avuti alcuni ma il migliore (forse) è stato quando mi hanno comunicato di essere stata selezionata tra i 30 talenti del web di tutta Italia. Una bella botta di orgoglio! Ho vinto le selezioni del Web Talent Show e sono cambiate diverse cose, sia nella mia vita personale che nel mio lavoro.

Ma è una lunga storia, annoierei i tuoi lettori!

Hai fatto tutto da solo o sei stato aiutato da qualcuno?
Tutto da sola, minuto dopo minuto, foglio dopo foglio e libro dopo libro. Questo è uno degli orgogli più grandi: farcela con le proprie forze, senza chiedere nulla a nessuno ma lottando e andando avanti da soli.

Come organizzi il tuo lavoro?
Dipende dal lavoro, non ho un processo sempre uguale. Forse i passi iniziali coincidono: lettura e analisi delle richieste, mappe mentali e brainstorming con me stessa, idee buttate su carta e tanta fantasia. Il resto cambia in base al lavoro.

Raccontaci la tua giornata lavorativa tipo.
Sveglia verso le 8 e 30, una bella colazione con l’immancabile caffè, preparo la mia super borsa in stile Mary Poppins e vado in ufficio (a proposito, ho sia uno studio a casa che un ufficio vicino casa). Controllo le email, i social e l’agenda del giorno. Poi inizio: lavoro fino a pranzo, spesso con della buona musica di sottofondo. Pausa pranzo fino alle 15 e poi via, di nuovo in ufficio fino alle 19 circa.

Una giornata che può sembrare una routine, ma che in realtà è sempre diversa. È questo il bello del mio lavoro!

Come riesci ad ottenere nuovi incarichi?
Nella maggior parte dei casi sono i clienti che mi contattano: tramite il mio sito, tramite conoscenze in comune o grazie alla mia presenza nei social. Se vengo a conoscenza di un progetto interessante mi propongo, per il resto mi chiamano direttamente.

La formula per il successo l'hai già scoperta? Hai voglia di condividerla con noi?
Magari! Non conosco la formula per il successo, ma prometto che te la dirò, quando l’avrò scoperta! Forse qualche ingrediente lo conosco: dedizione, lavoro e studio.

Quali suggerimenti ti sentiresti di dare ad un copywriter alle prime armi?
Molti mi chiedono suggerimenti, anche per email. In realtà non ne ho molti da dare, se non gli stessi che servono per altri lavori. La passione è la base, su questo non ho dubbi. Se non hai questa, meglio lasciar perdere. Per il resto, come ho già detto, servono studio ed esercizio quotidiano, sempre, è l’unico modo per imparare. L’esperienza è davvero importante.

Sei stato scelto come protagonista delle interviste di QuiCopy perché ritenuto membro autorevole della comunicazione sul web. Cosa pensi di questo blog e perché hai deciso di fare questa chiacchierata?
Ti ringrazio per aver pensato a me. Ho letto il tuo blog e lo trovo davvero molto interessante, quindi perché non parlare un po’ con te? Ti auguro di avere sempre la passione che dimostri e continuerò sicuramente a seguirti.

Mi presento: sono il marketing manager di un'azienda che si occupa di telecomunicazioni, piacere! Quali pensi che siano le strategie di comunicazione sul web irrinunciabili per un'impresa?
Dipende dall’impresa. Non tutti i social, per esempio, sono ideali per creare una campagna di comunicazione. Al Web Talent Show ho lavorato per realizzare un piano di comunicazione per una grande multinazionale: non ho puntato sul blog aziendale, che in questo specifico caso non avrebbe avuto l’effetto sperato, ma ho spostato l’attenzione sul video virale e la condivisone social tramite Facebook e Twitter. Non posso rivelare il progetto per intero e le strategie attuate, ma posso dirti che ogni piano di comunicazione è a parte e dipende dall’azienda stessa.

Quale pensi che sarà il futuro della comunicazione online?
Un futuro sempre più roseo. La comunicazione online sta avendo sempre più spazio e credo che, nei prossimi anni, sarà in assoluto il canale preferito dalle aziende di qualsiasi dimensione, anche le più piccole, che sono ancora restie.

Quale posto troveranno i freelance in questo scenario futuristico?
Spero un posto comodo! Già ora i freelance sono a buon punto, spero quindi che avranno vita dura.

Un'ultima domanda: che cos'è per te la felicità?
Bella domanda. Io credo che la felicità sia stare bene con sé stessi. Se si ha fiducia in sé e si hanno vicino le persone amate, allora si ha tutto. Il resto è solo un bel contorno.

L'intervista è finita! Grazie mille per il tuo contributo. Fare la tua conoscenza è stato davvero piacevole ed il tuo apporto sarà utile ai lettori di QuiCopy. Ora che ti conosciamo, ti terremo d'occhio! A presto.


LETTURE CONSIGLIATE


Per conoscere meglio Beatrice Niciarelli, vi consiglio di leggere questo magnifico post presente sul blog di Nybe Communication. Un articolo, in cui la copywriter ci spiega - col suo stile coinvolgente e frizzante - come ha spiegato al nipote di otto anni la sua professione. Da leggere tutto d'un fiato!


E VOI, COSA NE PENSATE?


Conoscete Beatrice Niciarelli ed il suo lavoro? Cosa pensate di lei come professionista?



10 commenti:

  1. Non la conoscevo, ma il blog sembra interessante. Bella intervista, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio! Il merito è tutto di Beatrice: una ragazza molto gentile e disponibile.
      Come sempre, sono le vostre risposte a rendere interessanti le interviste! :)

      Elimina
    2. Grazie anche a te, Daniele.

      Ti seguo da tempo, i miei complimenti!

      Beatrice

      Elimina
  2. Beatrice e Cristiana, mmmmmh, Una cosa da aggiungere a quest'esauriente intervista ce l'ho, una sola: il futuro della comunicazione online, oltre che roseo, sarà "rosa"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da un sostenitore del popolo femminile non ci si poteva aspettare un commento diverso. Grazie Matteo! :D

      Elimina
    2. Ma grazie Matteo!
      Sempre troppo gentili... Direi che tutti insieme siamo una bella squadra!

      Bea

      Elimina
  3. Ciao Bea,
    Splendida intervista...
    Grande!!!
    Stefano Spank

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefano,

      sempre troppo gentile :)

      Bea

      Elimina
  4. Grazie Cristiana per avermi ospitata!

    È stata una bella e piacevole chiacchierata.
    Continuerò a seguirti!

    Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati Beatrice, è stato un vero piacere averti come ospite!
      A presto.

      Elimina

Caro lettore, commentando dichiari di aver letto e accettato la privacy policy di questo blog.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.