lunedì 22 aprile 2013

Quattro Chiacchiere con... Marilisa Dones

Oggi un'intervista tutta al femminile in compagnia di Marilisa Dones, editor, web copywriter e content specialist. Una ragazza che sta lavorando per fare della sua passione una professione e che seguo con piacere perché sempre sul pezzo! Ecco la sua presentazione:

Dopo essermi “insaccocciata” una laurea in lettere antiche ed avere realizzato che la carriera universitaria non faceva per me, mi sono lanciata nel mondo dell’editoria, trovando quasi subito lavoro in una casa editrice scientifica. Da quasi 5 anni edito manuali e testi tecnici (ma ogni tanto mi capitano delle chicche di narrativa niente male). Ho iniziato a scrivere per il magazine dell’azienda e per Abattoir.it. Ora di mattina sono una editor e web writer e di pomeriggio faccio la web copywriter e content specialist freelance. Amo il mio mare, stare in compagnia e cucinare per i miei amici”.

Se volete seguire Marilisa potete farlo su Twitter, Facebook, Pinterest, Google+ e LinkedIn. Oppure potete leggere i suoi articoli su Abattoir.it.

Ora, andiamo a scoprire cosa ci ha raccontato di sé...



Nome
Marilisa Dones

Età
31 (ma ne dimostro molti di meno, quindi diciamo che ne ho 25).

Dove abiti
Palermo, città con la quale ho un rapporto di amore e odio di catulliana memoria. Ma in fondo, il sole e il mare mi mancherebbero troppo…

Dove vorresti vivere
Se la situazione economica fosse diversa, mi piacerebbe tornare a vivere a Madrid, dove ho abitato per quasi un anno; in alternativa mi piacerebbe vivere in una grande città, a Roma (perché la trovo simile alla capitale spagnola) o a Milano, per poter partecipare in carne e ossa agli eventi sulla comunicazione che di solito seguo in streaming (quando c’è questa possibilità).

Professione
Web Copy Writer & Content Specialist ed editor

3 aggettivi per descrivere il tuo lavoro
Creativo, empatico e multisfaccettato.

3 aggettivi per descrivere la tua personalità
Ottimista, tenace e ironica, con la battuta sempre pronta.

3 qualità che vorresti possedere
Genialità, pazienza e un cuore meno tenero.

3 difetti che possiedi e che non vorresti
Testardaggine, sognatrice e eccessivamente compassionevole.

La top 5 delle tue passioni
Musica e lettura (ex aequo), mare, cinema e serial tv e giochi da tavola. Sono sei vale lo stesso (e lo so, sono un po’ nerd…)?

La top 5 dei valori in cui credi
Condivisione, amicizia, onestà intellettuale e non, la passione che metto in tutto ciò che faccio e il rispetto per gli altri ma anche per me stessa.
 
La top 5 delle tue paure
Essere sottovalutata professionalmente, non essere all’altezza dei compiti che mi vengono assegnati, perdere i miei affetti più cari (famiglia e amici).

I tuoi obiettivi (personali e professionali)
Diventare una copy migliore e far emergere la mia immagine professionale in maniera cristallina, perché vorrei che i miei rapporti di lavoro fossero così, limpidi e sinceri.

I tuoi sogni (personali e professionali)
Essere parte di una web agency che si occupi di comunicazione a tutto tondo, collaborando con colleghi che siano anche amici, fare parte di una vera squadra in cui l’obiettivo è creare prodotti di qualità, che siano contagiosi perché portatori di valori condivisi.

Cosa stai facendo per realizzarli?
In primo luogo faccio networking. Creare legami è la base di tutto, si cresce tantissimo, ci si confronta e si prendono in considerazione situazioni diverse attraverso punti di vista che necessariamente non combaciano coi tuoi.
Cerco di costruire la mia realtà professionale giorno per giorno, leggo, studio, seguo corsi di aggiornamento, partecipo per come posso, vivendo a Palermo, agli eventi che trattano di comunicazione multimediale (benedetto sia lo streaming).

Ok, ora che abbiamo rotto il ghiaccio, parlaci di te e della tua professione.
Ti sei definito un web copywriter & content specialist , descrivici in modo chiaro e semplice che cosa significa.
Detto in soldoni io scrivo. Lo faccio sopratutto per il web, ma non solo. Mi occupo di contenuti, che sia una body page, un post su Facebook o Twitter o una campagna pubblicitaria. Il mio compito è renderli interessanti e “interattivi”. Mi piace confrontarmi con temi anche un po’ più freddini e cerco di infonderci un che di emozionale. Ecco, il mio compito è creare emozioni attraverso la mia scrittura e fare in modo che chi legge ci si riconosca.

Ti ricordi quando hai scelto di fare questo mestiere e cosa ti ha spinto a farlo?
Sinceramente, non esiste un momento preciso in cui ho realizzato che sarei voluta diventare una professionista della scrittura del web.
Probabilmente è stata più un’evoluzione di quello che ho sempre fatto. Ho sempre espresso i miei pensieri in forma scritta. Credo che la scrittura sia una parte di me.
Un mio amico e collega, Carlo, un giorno mi ha proposto di scrivere la body copy per una landing page di un sito a cui stavano collaborando lui e la sua compagna, titolare di uno studio di comunicazione, Albicocco. La mia proposta è piaciuta ad entrambi e da allora non ci siamo più lasciati e facciamo di tutto per poter collaborare insieme: il risultato è che ora sono la loro copywriting & content specialist di fiducia (spero).

Quali requisiti sono necessari per fare il web copywriter?
In primis voglia di scrivere, poi una conoscenza più che ottima della lingua italiana e la voglia di mettersi sempre in discussione. E tanta voglia di avere a che fare con temi e sempre nuovi. Il nostro è un lavoro per il quale si deve avere una mente flessibile. Quindi un altro requisito è una estrema flessibilità: devi saper parlare di cani usando la terminologia giusta e di previdenza sociale sapendo qual è il linguaggio utilizzato dal target di riferimento.

Come fai capire ai clienti di cosa ti occupi?
Cerco di spiegargli che ho gli strumenti, anzi che io sono il loro strumento per rendere appetibili i loro prodotti, i loro servizi. Io traduco il “corporatese” che piace tanto alle aziende in testi “potabili” (Valentina Falcinelli docet) per la gente normale. Nei testi la gente ci si deve riconoscere, deve trovare uno spazio per la conversazione.

Qual è il progetto a cui hai lavorato che più ti rappresenta?
Si tratta di un progetto a cui sto lavorando in questo periodo, ma è ancora in fieri, per cui non posso dire quasi nulla. Solo che si tratta di un magazine che vuole sfruttare completamente le potenzialità offerte dalla rete e che sarà nel segno della condivisione.

C'è stato un insuccesso che ti ha insegnato qualcosa? Ce lo racconti?
Essendo una copy alle prime armi è ovvio che gli insuccessi ci siano. E per fortuna, aggiungo. Altrimenti non ci sarebbero errori da cui imparare. Mi è capitato di propormi come copy ad una azienda, ho buttato delle idee durante la fase pre-contrattuale, sull’onda dell’entusiasmo. Gli erano piaciute. E tanto. Infatti hanno pensato bene di fare senza il mio aiuto.

Ed il successo che più ti ha gratificato?
Lo scorso gennaio. Quando un mio post ha fatto 600 visualizzazioni in due ore dalla pubblicazione, ho ricevuto tantissimi commenti e moltissime persone hanno condiviso con me la loro esperienza. E la cosa è durata giorni. Quello è stato un mio personale successo. Il perché? L’ho scritto con tutta me stessa.

Hai fatto tutto da solo o sei stato aiutato da qualcuno?
Nessun uomo è un'isola. Non sarei quella che sono se non avessi incontrato delle persone che mi hanno aiutato. In primo luogo il mio fidanzato e la mia famiglia, senza il cui sostegno non avrei mai potuto fare nulla. Poi Carlo e Laura di Albicocco, che hanno creduto in me e mi spronano a fare sempre meglio. E i ragazzi di Abattoir.it, con i quali collaboro da quasi due anni. E last but not least Valentina Falcinelli, che con pazienza non si risparmia in consigli professionali e incoraggiamenti umani.

Come organizzi il tuo lavoro?
Cerco di pianificare quello che devo fare durante la settimana e il mese, se è necessario e se ne ho la possibilità. Molto spesso spunta all’improvviso qualcosa da fare. Però di norma, se gestisco un blog aziendale, faccio un piano editoriale e cerco di portarmi avanti col lavoro e non ritrovarmi all’ultimo momento, anche perché i post hanno bisogno di sedimentare: il refuso è sempre in agguato!

Raccontaci la tua giornata lavorativa tipo.
Sveglia alle 7,30: controllo email, Twitter e Facebook. Alle 9 vado in ufficio (sono editor jr in una casa editrice). Dopo pranzo mi dedico alla mia attività di copy e al social marketing.
La sera, prima di cena, leggo tutti i post interessanti pubblicati durante la giornata, di solito scorrendo le liste di Twitter.

Come riesci ad ottenere nuovi incarichi?
Faccio amicizia anche con le pietre, e sono logorroica, per cui racconto in giro di cosa mi occupo e gli propongo collaborazioni. Per esempio, se apre una palestra o una gelateria in città, vado all’inaugurazione e propongo loro la realizzazione di un sito e/o un blog. A volte va bene, a volte no. Altri clienti li ottengo attraverso il buzz della rete e attraverso il networking. Ho diversi social amici che mi segnalano che c’è questo o quel blog che cerca una figura simile alla mia, e mi propongo. Insomma, cerco di darmi da fare e non lasciarmi sfuggire occasioni potenzialmente creative.

La formula per il successo l'hai già scoperta? Hai voglia di condividerla con noi?
La mia fattucchiera di fiducia ci sta lavorando, non appena la metterà a punto sarò felice di condividerla con tutti voi. Come dicevo prima, la condivisione (del lavoro e dei saperi) è un valore nel quale credo molto. Se si condividesse di più, il mondo sarebbe un posto con meno pescecani.

Quali suggerimenti ti sentiresti di dare ad un web copywriter alle prime armi?
Tecnicamente sono anche io un webwriter alle prime armi, ma da quello che ho imparato fino ad ora è che non si finisce mai ma proprio mai di imparare e di non lasciarsi abbattere dagli insuccessi: il segreto è farne tesoro per essere più preparati la prossima volta.
Ci vuole molta, ma molta, pazienza e dedizione, avere una padronanza più che ottima della lingua italiana (io, per esempio, tengo sempre vicino a me il vocabolario della lingua italiana e il mio vecchio manuale di grammatica italiana, ché una ripassatina non fa mai male, a nessuno). E questa non è una cosa scontata, leggendo molto, sia in rete che non, mi accorgo che non è affatto difficile incappare nel refuso o nel quid pro quo grammaticale. Poi consiglio di leggere la letteratura di riferimento. Per me la bibbia è “Il mestiere di Scrivere” di Luisa Carrada. È importante acquisire anche una conoscenza generale di tutte quelle discipline che confinano con il copywriting, SEO in primis. Seguire i “grandi” attraverso i loro blog e i profili social, da loro si impara moltissimo.


Sei stato scelto come protagonista delle interviste di QuiCopy perché ritenuto membro autorevole della comunicazione sul web. Cosa pensi di questo blog e perché hai deciso di fare questa chiacchierata?
Come ti ho detto in privato, sono lusingata di questa opportunità e per l’autorevolezza di cui mi vesti. Ma la verità è che cerco di imparare dai grandi comunicatori e tra i miei blog del cuore c’è anche QuiCopy. Ammiro i suoi post scritti senza sbavature, semplici e puntuali. Mi piace anche molto l’attenzione che si dedica alla scelta degli argomenti, sempre attuali e mai scontati.

Mi presento: sono il marketing manager di un'azienda che si occupa di telecomunicazioni, piacere! Quali pensi che siano le strategie di comunicazione sul web irrinunciabili per un'impresa?
Mi piace citare Alessandra Farabegoli (mia insegnante al master Ninja Marketing) nel suo “Manuale del buon senso in rete” dice che web strategy non si traduce aprendo semplicemente una pagina Facebook e pubblicando gattini e citazioni per generare Engagement. La web strategy è qualcosa di più profondo, deve partire dal sito web, che deve essere usabile e avere contenuti utili. E qui entro in scena io. Spiego che tutto parte dall’ascolto. Bisogna ascoltare le conversazioni e capire cosa la gente dice di voi e perché. L’ideale è quasi sempre affiancare un blog aziendale, dove pubblicare tutto quello che concerne il brand, quindi nel vostro caso tutto quello che ha a che fare con le telecomunicazioni, quindi post contenenti consigli e trucchi per ridurre il traffico internet sul tuo smartphone, comparazioni di tariffe e servizi, le novità in fatto di telefonia, raccontare storie, magari con una rubrica dove sono gli stessi aficionados a scrivere la loro storia che ha a che fare col brand. Sicuramente punterei sullo storytelling.

Quale pensi sarà il futuro della comunicazione online e quale posto troveranno i freelance in questo scenario futuristico?
(ho unito le due domande perché per me sono strettamente correlate).
Credo che il futuro lo stiamo già vivendo. Abbiamo cambiato completamente il modo di comunicare, nel giro di un decennio siamo passati dagli sms alla messaggistica istantanea, ad internet anche nel cellulare. Ed è cambiato anche il mondo del lavoro. Nessuno ci assume, allora diventiamo noi i capi di noi stessi. I freelance sono il futuro di adesso.

Un'ultima domanda: che cos'è per te la felicità?
La felicità è poter vivere di un lavoro che ami ed essere circondato da gente che ti vuol bene e che ti stima. È una cosa forse scontata, ma è la verità.


L'intervista è finita! Grazie mille per il tuo contributo. Fare la tua conoscenza è stato davvero piacevole ed il tuo contributo sarà utile ai lettori di QuiCopy. Ora che ti conosciamo, ti terremo d'occhio! A presto.



Letture consigliate

Questo è il post di Marilisa che ho preferito tra quelli pubblicati su Abattoir.it e vi consiglio di leggerlo, così da poter scoprire ancora meglio questa giovane web copywriter.


E voi, cosa ne pensate?

Conoscete Marilisa? Condividete i consigli che ha dato a un web copywriter alle prime armi?

12 commenti:

  1. Premesso che ho avuto la fortuna, ed il piacere, di conoscere Marilisa dal vivo. È una ragazza fantastica, una persona molto bella e solare, nonché una copy che credo farà strada sicuramente! Adoro il calore che riesce a sprigionare, i suoi testi ne sono la dimostrazione. Brava Marilisa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È davvero brava, hai ragione! Spero di poterla conoscere di persona anch'io :)

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Silvia, l'affetto e la stima sono reciproci! Ti abbraccio forte forte! A presto!

      Elimina
    4. Andrea Ventura22 aprile 2013 11:37

      E brava Marilisa! Bella intervista e belle risposte. Se volevi impressionarci l'hai fatto!

      Elimina
  2. Non la conoscevo, ho però letto ora quel post (Abattori.it però l'avevo già visto in passato) e sono d'accordo. A me hanno risposto ieri a una candidatura per scrivere testi e pagano 1 centesimo a parola, ma prima bisogna scrivere un po' di articoli gratis per vedere se uno piace ai lettori.

    Purtroppo la scrittura è diventata un mercatino a chi offre meno e schiavizza di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scrittura è diventata un mercato davvero inflazionato. È molto difficile affrontarlo con professionalità.

      Elimina
    2. Il compito di "educare" il mercato della scrittura spetta a noi professionisti o aspiranti tali. Quindi l'imperativo deve essere rifiutare e fiutare la fregatura! :-)

      Elimina
    3. Infatti a quelli nemmeno rispondo :)

      Elimina
  3. Bellissima intervista! Non poteva essere altrimenti, vista la grande bravura di Marilisa e di Cristiana! Un bacio Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara,
      grazie mille!

      Sei sempre troppo speciale :)
      Un bacio

      Elimina
  4. Grazie Sara, sei un tesoro!

    Un abbraccio!

    RispondiElimina

Caro lettore, commentando dichiari di aver letto e accettato la privacy policy di questo blog.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.